Quanto sai non deve impedirti di sapere quanto dovresti! (Carlo Dossi)

lunedì 17 dicembre 2012

KOUGLOF

Era un po' che mi girava per la testa questo dolce, non mi decidevo mai a farlo, poi mi sono detta:"ora o mai più!"  Certo che ha un nome un po' strano questo dolce, un nome quasi buffo da pronunciare...
Ma che origine avrà mai ?
Il kouglof è una specialità alsaziana , ma si dice la sua madre patria sia l'Austria.
 Lo si fa anche nella Repubblica Ceca o nel sud della Germania, infatti il suo nome o la pronuncia cambia  a seconda della nazione.
Non si è sicuri di come sia nato questo dolce, non ci sono tracce scritte prima del XIX secolo.
Si sa però che esisteva già nel XVII secolo per via di alcuni vecchi stampi che sono stati ritrovati.
Una leggenda narra che questo dolce fu realizzato per la prima volta  dai Magi per ringraziare un panettiere che li aveva ospitati, questo panettiere si sarebbe chiamato appunto Kugel. La forma del dolce sarebbe quella dei turbanti dei Magi.
Un'altra leggenda dice che il suo nome  può derivare da KUGELHOF GUGELHUT che era il capello dei parlamentari a Strasburgo.
Sinceramente  a me piace credere alla prima leggenda. Sarà per il clima natalizio!
Questo dolce per tanto tempo è stato utilizzato per feste di compleanno, Natale, Pasqua  e altre festività importanti, oggi è molto usato per la prima colazione.
Lo stampo è molto particolare, quelli originali sarebbero in terracotta smaltata a mano, io no  l'avevo e l'unica cosa che gli somigliava era uno stampo in silicone.
Ho fatto parecchie ricerche prima di provarlo, poi ho rielaborato tutto ed ecco qui la ricetta:

500 g di farina "00" (io Molino Chiavazza)
2 uova
200 ml di latte intero
175 g di burro (io Dalla Torre val di Non)
10 g di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di sale
150 g di uva sultanina
1 cucchiaio di strega
100 g di zucchero
100 g di mandorle a filetti.
zucchero a velo.
Procedimento:
Mettere a bagno l'uvetta con acqua e la strega.
Spennellate lo stampo con del burro e cospargere con un po' di mandorle.
Fare il lievitino  facendo sciogliere il lievito in 40 ml d'acqua  aggiungere 50 g di farina ed impastare fino a quando otterrete una palla che metterete a lievitare per un'ora e mezza in un luogo tiepido, coperta da uno strofinaccio umido.
 Nella ciotola della planetaria mettere lo zucchero, il sale,  le uova e metà del latte far impastare tutto.
Poi quando sarà raddoppiata aggiungerla alla farina e mescolare insieme alle uova sbattute in precedenza, allo zucchero, iniziare ad impastare ed aggiungere gradualmente il latte. Quando l'impasto continua ad essere elastico aggiungere il burro ammorbidito in precedenza e tagliato a pezzetti.
Impastare per 15 minuti, quindi aggiungere l'uvetta, far incorporare bene e poi aggiungere le rimanenti mandorle.
Versate l'impasto nello stampo  e fate lievitare fino a quando non raddoppia di volume.



Cuocere in forno a 180° per 45 minuti.
Fate raffreddare, sformatelo




 poi cospargete con lo zucchero a velo.






13 commenti:

  1. Ma che bello nella forma.. nonostante il suo nome così strano! deve essere ottimo.. nulla da invidiare al nostro panettone!! smackkk

    RispondiElimina
  2. Che bello ..ma sopratutto ..che buono!!!!
    Bravissima . Un bacio

    RispondiElimina
  3. Molto ricco e tanto buono, complimenti. Ciao.

    RispondiElimina
  4. ma è stupendo,mi segno la ricetta che lo voglio fare.
    baci e buone feste

    RispondiElimina
  5. Ti è venuto una meraviglia!!!!
    E' molto simile al nostro panettone ma più veloce da preparare....
    grazie per questa bella ricetta e anche per la sua storia :-)
    ciao a presto ^_^

    RispondiElimina
  6. Ciao Nani,

    Vogliamo presentarti il sito Ricercadiricette.it, dove gli utenti possono cercare tra oltre 100000 ricette che appartengono a siti web e blog in italiano specializzati in ricette di cucina. Inoltre abbiamo creato il Top blogs di ricette, dove puoi trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti, e dove puoi anche aggiungere il tuo. Noi indicizziamo le tue ricette e gli utenti le potranno trovare usando il nostro motore di ricerca. E non devi preoccuparti di nient’altro poiché tutto in Ricercadiricette.it è gratuito!

    Ricercadiricette.it ha diversi siti fratelli in Svezia, Spagna, Francia, Germania, Stati Uniti e in tanti altri paesi. Vuoi diventare un membro di questa grande famiglia?

    Siamo a tua disposizione!
    Andreu
    Ricercadiricette.it

    RispondiElimina
  7. bellissimo, è una meraviglia, bello ricco e profumato, baci

    RispondiElimina
  8. Wow...non consocevo questo dolce....auguro anke a te un felice Natale...un bacio...

    RispondiElimina
  9. Carissima Anna, mi piace tantissimo il vestito natalizio del tuo blog, è davvero chiaro, pulito e festaiolo! Che dire del dolce più soffice e alto del mondo, una meraviglia, coccoloso come le sere di Natale. Ti auguro Buone Feste e un nuovo Anno Sereno. un abbraccio mony

    RispondiElimina
  10. Cara Nani ci hai messo un po' di tempo prima di deciderti a fare questo dolce...ma mi sembra che ti sia venuto proprio bene!! Brava perfetto per i dolci Natalizi. Buone Feste!!

    RispondiElimina
  11. Io ci sto girando intorno da un po' quando ho un po' di tempo mi sa che mi cimento:)
    Il tuo e' stupendo, maestoso!!!
    Auguro a te e alla tua famiglia uno splendido Natale ricco di gioia e serenità !!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina

Se siete arrivati fin qui, lasciate una traccia del vostro passaggio! Un commento, un saluto , un consiglio è sempre ben accetto! Nani