Quanto sai non deve impedirti di sapere quanto dovresti! (Carlo Dossi)

martedì 13 agosto 2013

Dalla Toscana all'Umbria III parte



Buon giorno e buona settimana a tutti, come procedono le vostre vacanze? Le mie sono  lontanucce, ma ho ancora il ricordo dei pochi giorni trascorsi a fine luglio tra la bella Toscana e l'incantevole Umbria.
Oggi vi parlo del giorno trascorso tra Cascia, Norcia e le cascate delle Marmore.
Come molti di voi sapranno l'Umbria è terra di grandi Santi , terra di spiritualità, di pace e di riflessione.
Io non sono una che ogni domenica va a messa,  nonostante mia madre ci vada ogni giorno,ci vado quando lo sento, ma ho dentro di me una grande fede e sono grata a Dio ogni giorno per tutto quello che ho.
L'Umbria è una regione che è impregnata di pace e anche chi non è cattolico sono sicura che non potrà contradirmi, perché se hai un cuore buono senti la tua anima liberarsi da tante cose.
 Forse è naturale perché in un posto dove sono passati grandi Santi, dove c'è stato tanto bene , tutto rimane impregnato di questo bene. Così come in un posto dove ci sono state grandi stragi e tanto male, il posto conserva una negatività molto forte.
Scusate la mia premessa, ora passo a parlarvi della prima tappa: Cascia e il Santuario di Santa Rita.
Cascia è un paesino di poco più di tremila anime a circa 650 metri di altitudine, patria di Santa Rita e dello zafferano.
Sono molto affezionata a questa Santa, perché fin da piccola il mio papà mi regalò il libro con la storia e le preghiere di questa grande donna. Mi disse che ogni volta che mi sarei trovata in una situazione molto difficile in cui non avrei visto vie d'uscita, dovevo pregare Santa Rita perché Lei è la Santa dei miracoli impossibili!
Ho pregato e invocato tanto è con tutte le forze Santa Rita durante il mio parto perché sia io che mio figlio stavamo morendo. Ci siamo salvati.  Andai per la prima volta a Cascia  a ringraziare, quando il mio bimbo aveva appena tre mesi. Era stato sempre un mio desiderio andare a vedere Santa Rita e non ne rimasi delusa ne allora ne ora.
Ogni volta che entro in quella Chiesa le lacrime iniziano a sgorgarmi dagli occhi e riesco solo a dire : GRAZIE!
Questa volta ho pregato anche per tante persone che so che hanno bisogno , ho chiesto alla Santa di intercedere lei con le sue preghiere. In più mi è accaduta una cosa che mi ha sconvolto.  Una vecchia suora che stava  vicino alla tomba di Santa Rita, mi ha chiesto perchè fossi li e quando gli ho risposto:" per ringraziare", lei candidamente  e con un sorriso, mi ha detto la motivazione del mio ringraziamento e anche la  mia terra d'origine: la Sardegna. Ha dato a me e mio figlio una benedizione con il bastone che usava Santa Rita dicendomi che la Santa ci avrebbe sempre protetto! Sono uscita dalla Chiesa con la pelle d'oca , le lacrime agli occhi e la consapevolezza che il mio papà in quel momento mi sorrideva dal cielo.
Scusate se vi ho raccontato qualcosa di estremamente personale ma volevo condividere con voi questa bellissima esperienza e magari aiutarvi a conoscere un po' questa Santa così umile , così normale che ha vissuto tanto dolore ma che ha saputo trasformare il dolore in espressione d'amore e carità! Ha saputo diffondere la gioia del perdono immediato, della pace amata e per questo perseguita come bene supremo, ci ha insegnato ad aver fiducia in Dio e a mettere nelle sue mani la nostra vita. Se volete più notizie cliccate QUI
Spero di non avervi annoiato, vi lascio alcune foto fate a Cascia




Cascia

Basilica di Santa Rita

Interno Basilica

Altare

Affreschi


Santa Rita


Andando via da Cascia, era ormai ora di pranzo e ci siamo fermati a pranzare per la strada a Serravalle di Norcia in una ristorante che si chiama: DA PIETRO. Specialità della casa tartufo e trota. Un posto molto semplice di quelli che piacciano  a me dove i piatti forti sono le leccornie del luogo! Infatti per quel giorno ho tralasciato  la dieta è ho assaggiato un piatto di pasta con della cicoria selvatica che era una bontà, appena farà fresco ve lo riproporrò.
Dopo aver pranzato ci siamo diretti a Norcia, paese del prosciutto crudo , del tartufo , dei salumi , ma soprattuto paese di un'altro grande Santo: San Benedetto.
San Benedetto e sua sorella Santa Scolastica nacquero nel 480 a Norcia. Per avere più notizie cliccate Qui.
Un paesino delizioso con stradine antiche ,e la via principale ricca di negozi con esposti i prodotti locali.
Abbiamo visitato la Chiesa sorta sopra la casa dove nacquero i due Santi e passeggiato per le vie del centro e dopo una bibita rinfrescante per noi adulti e un bel gelato per il mio Matthew siamo ripartiti per andare alle cascate delle Marmore.
Arco delle mura a Norcia

San Benedetto

Chiesa di San Benedetto


Interno della chiesa

Altare sorto dove nacque il Santo

Negozio di prodotti locali

Matthew si rinfresca
Merenda con un bel gelato

Piccoli paesini 

Castello di Terni

Cascate delle Marmore

Cascate delle Marmore
Giunti alle cascate delle Marmore, non vi dico che strada! Il navigatore è andato in tilt e abbiamo fatto un giro pazzesco siamo pure passati per Terni quando usciti da Norcia c'era il cartello per le cascate! Morale della favola siamo arrivati tardi  e non saremo riusciti ad arrivare per cena all'agriturismo, quindi le abbiamo viste da fuori. Belle c'era veramente fresco, dopo una giornata rovente ci siamo ristorati un po', una bella passeggiata e poi via di ritorno verso Assisi. Vi lascio sperando di non avervi annoiato, vi auguro un buon ferragosto, io lavorerò mezza giornata, ma voi che siete in ferie divertitevi! Vi aspetto per l'ultima parte del racconto del viaggio: Assisi!
Un abbraccio a tutti !
Nani


2 commenti:

  1. Splendide foto, splendidi paesaggi, bellissime chiese e simpaticissimo il tuo bimbo che mangia il gelato:)..ho visto anche le altre foto del tuo viaggio, veramente bellissime..
    un bacione e buon Ferragosto!!!
    Rosy

    RispondiElimina
  2. L'Umbria è spettacolare, e tuo figlio è proprio carino e simpatico!
    Un bacione

    RispondiElimina

Se siete arrivati fin qui, lasciate una traccia del vostro passaggio! Un commento, un saluto , un consiglio è sempre ben accetto! Nani