Quanto sai non deve impedirti di sapere quanto dovresti! (Carlo Dossi)

mercoledì 29 gennaio 2014

Danubio salato o Buchteln

Mentre fuori nevica, finalmente ho trovato il tempo per postarvi una delle ricette che stava ferma nella mia macchina fotografica, o meglio li c'era  la foto la ricetta era nel mio quaderno! Adoro i lievitati anche se non ho mai tanto tempo per farli.
 In giro ci sono tantissime ricette del Danubio, sia dolce che salato, come tante e disparate sono le storie sulla sua origine. Io ho fatto una piccola ricerca sul web e mi è sembrata molto bella la storia che vado a riportavi presa da diversi fonti.
Il Danubio  o meglio il Buchteln  è una specie di torta composta da tante palline di pasta lievitata ripiena. La sua paternità la si deve a Giovanni Scaturchio che nel 1905 aprì a Napoli una pasticceria ancora oggi molto rinomata.
Scaturchio dopo la Grande  guerra era ritornato a Napoli portando con se la sua sposa austriaca.
Negli anni '20 nella sua pasticceria iniziarono ad essere prodotti  insieme ai classici Babà, struffoli pastiere e sfogliatelle dei nuovi dolci , nuovi almeno per i napoletani.
Dallo Strudel alla torta Sacher e poi il Buchteln che poi per semplicità venne chiamato Briochina dolce del Danubio, ripiena di marmellata servita con una crema alla vaniglia.
E' un dolce molto versatile a cui si può cambiare il ripieno secondo i gusti , cosi' come si fa anche la versione salata sempre con un ripieno variabile ma la classica è quella con ripieno di scamorza e salame.
Io oggi vi propongo una versione salata con ripieno di scamorza e speck e con sopra semi di sesamo e papavero.
Io ho usato una tortiera da 26 ma voli potete farla della dimensione che più vi aggrada!
Ingredienti per l'impasto :
250 g di farina Manitoba
250 g di farina "00"
180 ml di latte
40 g d'olio
un cucchiaino di sale
1/2 cubetto di lievito
 1/2 cucchiaino di zucchero
1 uovo + un tuorlo
semi di sesamo e papavero.
Ingredienti per il ripieno:
Speck e scamorza.


Fate l'impasto con la farina, l'uovo intero e l'olio a cui aggiungerete il latte tiepido dove avrete fato sciogliere  il lievito e lo zucchero. Lavoratelo a aggiungete per ultimo il sale. Formate una palla e mettete  a lievitare al caldo coperto da uno strofinaccio umido per due ore.
Quando l'impasto è raddoppiato dividetelo in sedici pezzi o anche meno dipende dalla grandezza ce delle  palline. Schiacciatele con il palmo della mano e farcitele a piacere quindi chiudete con un pizzicotto che metterete a contatto con la teglia. Le palline devono essere vicine ma non attaccate . Lasciate lievitare per ancora un'ora poi spennellate con il rosso d'uovo sbattuto e cospargete con i semi di sesamo e papavero.



 Infornate per 30  minuti  a 180°.

Alla prossima ricetta!
Nani



5 commenti:

  1. Conosco il Danubio ma non ho ancora avuto modo di prepararlo nè di assaggiarlo, devo rimediare al più presto con la tua ottima ricetta, perfetta e meravigliosamente invitante, da provare assolutamente:) complimenti inoltre, ti è venuto benissimo!!
    un bacione!!!:)
    Rosy

    RispondiElimina
  2. Bello e buonissimo !!!!
    grazie per la sua storia molto interessante :-)
    un abbraccio ^__^

    RispondiElimina
  3. strabuono, ti è venuto proprio bene, complimenti!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  4. Buongiorno Nani,

    Abbiamo visto che hai tantissime deliziose ricette nel blog! Vogliamo presentarti il sito Ricercadiricette.it, dove gli utenti possono cercare tra oltre 230000 ricette che appartengono a siti web e blog in italiano. Abbiamo anche creato il Top blogs di ricette, dove puoi trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti. Puoi anche aggiungere il tuo blog all’elenco! Noi indicizziamo le tue ricette e gli utenti le potranno trovare usando il nostro motore di ricerca. E tutto su Ricercadiricette.it è gratuito!

    Ricercadiricette.it ha diversi siti fratelli in Svezia, Spagna, Francia, Stati Uniti e in tanti altri paesi. Vuoi diventare un membro di questa grande famiglia?

    Restiamo a tua disposizione!
    Andreu
    Ricercadiricette.it

    RispondiElimina

Se siete arrivati fin qui, lasciate una traccia del vostro passaggio! Un commento, un saluto , un consiglio è sempre ben accetto! Nani